Blog

Miglior robot aspirapolvere 2018

I robot aspirapolvere hanno rivoluzionato il modo in cui si pulisce la casa. La tecnologia avanzata e il loro design elegante, hanno dirottato gli utenti verso il negozio di fiducia più vicino per acquistare il miglior robot aspirapolvere.

Tuttavia, ci sono ancora molte casalinghe, soprattutto in Italia, che non sanno cosa sia un aspirapolvere automatico robot e quando arriverà il momento di saltare su questa sponda, rischieranno di fare un bel buco nell’acqua. Per questo motivo, abbiamo deciso di scrivere una guida completa, che vi guidi passo passo nella vostra scelta.

PRODOTTO DIMENSIONI PESO VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
33 x 32,6 x 7,8 cm 3 kg VEDI PREZZI
34 x 34 x 9,2 cm 3,6 Kg VEDI PREZZI
35 x 35 x 9,1 cm 3,9 kg VEDI PREZZI
45,4 x 40,2 x 14,6 cm 4,7 kg VEDI PREZZI
46 x 39,5 x 14,5 cm 4,9 kg VEDI PREZZI
32,1 x 33,5 x 10 cm 4,1 kg VEDI PREZZI
34 x 34 x 9,2 cm 3,6 kg VEDI PREZZI
44,5 x 40 x 15 cm 4,8 kg VEDI PREZZI
51 x 41 x 13 cm 4,8 kg VEDI PREZZI
44 x 38 x 13,5 cm 4 kg VEDI PREZZI

Che cos’è un robot aspirapolvere

confronto robot aspirapolvereProprio come gli aspirapolvere verticali, i robot aspirapolvere fanno quello per cui sono stati progettati: aspirare la polvere. Tuttavia, a differenza dei modelli che tutti noi conosciamo, questi sono degli apparecchi piuttosto intelligenti. La caratteristica principale, è che questi robot funzionano senza l’intervento umano, a parte quello iniziale per dargli l’avviamento.

La maggior parte di essi, si adattano all’ambiente circostante in modo automatico (anche se non tutti sono così “intelligenti”). Solitamente, i robot hanno una forma a D, sono adatti per la pulizia di superfici dure e tappeti, e immagazzinano la polvere in un serbatoio generalmente senza sacco, che andrà svuotato al termine del lavoro. Dato che lavorano in maniera autonoma, tutti i robot sono alimentati a batteria.

Possono essere ricaricati manualmente; ma quelli più moderni e sofisticati, hanno delle base di ricarica che raggiungono automaticamente, prima di scaricarsi completamente. Credo che la maggior parte di voi sia d’accordo con me quando affermo che i robot aspirapolvere non sono ancora pronti per sostituire l’aspirapolvere tradizionale. Il loro utilizzo è ideale per mantenere la casa libera dalla polvere. Con i modelli avanzati, si può programmare una pulizia giornaliera, per poi utilizzare il modello verticale solo una volta a settimana.

Come funziona

Il robot aspirapolvere migliore è quello fornito di ruote girevoli e sensori di prossimità. Questi ultimi sono fondamentali per aggirare gli ostacoli, evitare di cadere dalle scale, ecc. Tutti i robot, possiedono un motore che fornisce la potenza di aspirazione ideale e spazzole, che indirizzano sporco e polvere verso l’ingresso della presa dell’aria.

Algoritmi di navigazione

Il bello del robot, è che tutto ciò che dovete fare è sedervi comodamente e aspettare che finisca il suo lavoro. Solitamente, naviga e pulisce la casa, seguendo un set predefinito di modalità di pulizia. Un robot aspirapolvere economico ha solitamente due o tre modalità, mentre quelli più avanzati possiedono programmazioni personalizzate e più approfondite.

Il miglior robot aspirapolvere è quello che dispone di avanzati algoritmi di pulizia. Per migliorare l’efficacia del robot, è necessario che esso possieda sensori e telecamere, per mappare la stanza e non lasciare nemmeno un angolo incompiuto. Questi robot sono equipaggiati di sensori ad infrarossi e telecamera, sono costosi, ma anche gli unici in grado di garantire un lavoro pressoché perfetto.

Quali sono le loro limitazioni

Leggendo in giro del robot aspirapolvere opinioni e recensioni, siamo arrivati al punto di poter elencare i loro migliori pregi, ma anche le più grandi limitazioni che questi apparecchi di nuova generazione devono fronteggiare:

  • La maggior parte, non può funzionare su superfici che presentano una pendenza maggiore di 15°.
  • Non possono salire o scendere le scale. In una casa a più piani, sarà l’utente a doverlo spostare da un livello all’altro manualmente.
  • Molti non funzionano su superfici di colore nero (molto scuro).
  • Se non possono mappare l’ambiente, solitamente mancano sempre qualche punto o perdono la posizione della base di ricarica.
  • Il serbatoio per la raccolta della polvere è piccolo e va svuotato molte volte.
  • Molti “mangiano” i fili, per cui, prima di metterli in funzione, sarebbe utile alzare da terra tutti i cavi elettrici. Moquette e tappeti a peli lunghi non possono essere puliti.

In cosa sono utili

robot aspirapolvere quale scegliereSi è discusso molto sull’utilità di questi apparecchi. Alcuni addirittura obiettano sul fatto che siano inseriti tra i prodotti per la pulizia della casa, classificandoli quasi come dei giocattoli. La verità è questa, nella maggior parte dei casi, i robot aspirapolvere sono UTILI. E questo non lo dico solo per esperienza personale.

Qualche mese fa, è stato condotto un breve sondaggio da un sito per la casa molto importante, che ha chiesto ai suoi visitatori di rispondere alla seguente domanda: “Trovate utile l’utilizzo del robot aspirapolvere? Perché?”. Bene, il risultato è stato inequivocabile. Analizzando tutte le risposte, si è verificato che l’81% delle persone, ritiene questo strumento utile, il 10% ha risposto con un canonico “non sono sicuro”, mentre solo il 9% ha detto di no.

I motivi possono essere vari. Alcuni parlano del fatto che siano utili per coloro che soffrono di artrite, problemi alla schiena o invalidità. Altri semplicemente perché preferiscono avere un prodotto che non ha bisogno di un supervisore per funzionare. Per molti, se non per tutti, pulire è faticoso, pesante, per cui un aiuto “automatico” è sempre molto gradito. Certo, c’è chi nei robot aspirapolvere recensioni parla di oggetto di moda, fashion e altre amenità simili. Ma ci sta anche questo.

Robot aspirapolvere prezzi e offerte

Sempre secondo un altro autorevole sondaggio, oggi siamo in grado non solo di dirvi quanto potreste spendere per questo accessorio per le pulizie di casa, ma anche quanto sono disposti a spendere la maggior parte degli utenti, per portarsi a casa un prodotto valido. Quello che è venuto fuori, lo ammetto, è un risultato che mi aspettavo. Sono piccole le percentuali, quasi irrilevanti, delle persone disposte a spendere cifre che partono dai 300 euro in su.

Nel 25% dei casi, le persone sono disposte a spendere tra i 150 e i 200 euro. Il restante, si suddividono in modo quasi identico, le fette comprese tra i 200 ed i 300, o tra i 100 ed i 150. Poche, sono interessati a pagare ancora meno. Il fatto, è che la maggior parte delle persone che acquisterà un prodotto da 150 euro, resterà probabilmente deluso dal suo acquisto.

Facendo un confronto robot aspirapolvere, abbiamo notato che i modelli migliori, partono proprio da 300 euro. Dovete quindi rinunciare a questo acquisto? Non necessariamente, l’importante, è essere consapevoli nel momento in cui si acquista un robot da 150 euro, che egli non potrà mai sostituire, nemmeno per sbaglio, ma migliore scopa elettrica della stessa fascia di prezzo.

Robot aspirapolvere quale scegliere

Per scegliere il modello più adatto alle proprie esigenze, è necessario prendere in considerazione alcuni elementi chiave.

  • Le dimensioni: se siete già andati in giro per i negozi alla ricerca dei robot aspirapolvere offerte, avrete senz’altro visto che non sono tutti uguali, in termini di forme e dimensioni. Molti sono tondi, ma molti altri hanno una forma a D per pulire meglio sotto al battiscopa. Ma quello che vi dovrebbe interessare di più, è la loro altezza. Se avete mobili molto bassi, dovete prendere bene le misure se desiderate che il robot vada a pulire sotto di essi. Anche l’altezza del letto è da tenere presente.
  • robot aspirapolvere miglioreIl serbatoio di raccolta: l’aspirapolvere robot serve a raccogliere la polvere. Questa finisce all’interno di un serbatoio, che nella maggior parte dei casi, non gode di dimensioni molto grandi. Se vivete un’abitazione piccola e preventivate di utilizzare il prodotto saltuariamente, la cosa non vi dovrebbe preoccupare, ma se intendete utilizzare spesso l’apparecchio, in case molto grandi, allora più è capiente il serbatoio e meglio è. Il rischio, altrimenti, sarebbe quello di dover intervenire spesso e volentieri per svuotarlo e riprendere il lavoro.
  • Sistema di filtraggio: Sappiamo tutti perché spazziamo casa. La polvere si accumula sui pavimenti (e non solo). Quando camminiamo l’alziamo e la respiriamo. Questa può comportare problemi di salute. Avere un buon sistema di filtraggio, significa mantenere intrappolata la polvere dentro al robot, senza possibilità che venga messa nuovamente in circolo nell’aria. Inutile aggiungere (ormai tutte le casalinghe lo dovrebbero sapere), che i filtri HEPA sono i migliori.
  • La batteria: uno degli elementi chiave dei robot aspirapolvere, è la qualità della batteria. Secondo le opinioni di molti, quelle migliori sono le Li-Ion. Quelli che le utilizzano, possono pulire ininterrottamente fino a 150 minuti, a seconda della potenza dell’apparecchio. Le batterie Ni-Mh durano molto meno, ma sono anche molto più economiche. La maggior parte degli apparecchi, come il robot aspirapolvere folletto, impiega circa 5 ore per una ricarica completa. Quelli migliori, si ricaricano al 100% in 3-4 ore.
  • La potenza di aspirazione: valutare la potenza di aspirazione non è mai così semplice, nemmeno per gli stessi produttori. Se pensi ancora che i robot migliori sono quelli che hanno una potenza maggiore, intesa come Volt, sei fuori strada. La potenza di aspirazione (l’unica che conta veramente), viene calcolata in AW, mentre altre volte possiamo trovarla indicata come Pa o CFM. Quando si tratta di robot aspirapolvere, un apparecchio da 4/500 Pa è più che sufficiente. I potenti e migliori, possono arrivare anche a 700 Pa.
  • Il rumore: più grande è il motore e maggiore sarà il rumore sviluppato. Secondo la nostra opinione, tutti i prodotti che superano i 60 db di rumore, sono rumorosi. I robot migliori sono quelli che lavorano con una soglia di rumore inferiore ai 50 db. Avere questo tipo di aspirapolvere robot, significa poterla tenere in funzione anche quando si dorme, si guarda la TV o si studia.