Blog

Miglior aspirapolvere a vapore 2018

Nel mercato delle pulizie, l’aspirapolvere a vapore può essere considerata quasi come una new entry. Questo apparecchio può essere utilizzato per qualsiasi tipo di pavimento e fornisce una pulizia più approfondita di molti altri metodi. Per molti utenti interessati al suo acquisto, uno dei principali vantaggi, è il fatto che possa pulire in modo ecologico, senza l’uso di costosi detersivi. Se da sempre ti preoccupano gli agenti chimici contenuti nei detersivi e che possono causare più problemi che benefici ai tuoi bambini che corrono a quattro zampe in giro per casa, allora l’aspirapolvere vapore è la soluzione ideale per le tue esigenze.

PRODOTTO DIMENSIONI PESO VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
100 x 30 x 34 cm 6 kg VEDI PREZZI
25,9 x 27,2 x 121 cm 6 kg VEDI PREZZI
28 x 25 x 116,8 cm 4,8 kg VEDI PREZZI
52 x 36 x 34 cm 8,2 kg VEDI PREZZI
32 x 49 x 33 cm 9 kg VEDI PREZZI
32 x 49 x 33 cm 10,5 kg VEDI PREZZI
33 x 51 x 34 cm 15 kg VEDI PREZZI

Questi apparecchi, sono l’ideale anche per i soggetti che soffrono di allergie. La tecnologia a vapore, consente non solo di rimuovere lo sporco, ma anche di uccidere i germi, eliminando dunque ogni cosa, anche quella che non riesci a vedere ad occhi nudi, ma che può influenzare la qualità dell’aria che respiriamo in casa. Il bello, è che per ottenere una pulizia efficace con il miglior aspirapolvere a vapore, non bisogna fare fatica e strofinare le superfici con forza. Nella maggior parte dei casi, basta andare in giro per casa per pulire il pavimento con una sola passata.

Le 4 tipologie

L’aspirapolvere a vapore può essere utilizzato per pulire una gran varietà di superfici, ma un tipo può risultare meglio di un altro se si eseguono lavori specifici. Prima di acquistare un prodotto qualsiasi, è importante conoscere tutte le caratteristiche e gli usi differenti di ogni tipologia di apparecchio. Solo in questo modo potrai scegliere il miglior aspirapolvere a vapore più adatto alle tue esigenze.

aspirapolvere e scopa a vapore insieme
  • Aspirapolvere a vapore portatile: questi apparecchi sono piccoli, portatili ed economici. La gamma di prezzi ovviamente è varia, ma solitamente si spendono meno di 100 euro per portarsi a casa un buon modello. Le loro dimensioni li rendono estremamente semplici da utilizzare, così come da mettere via quando non sono in uso. Questa tipologia di apparecchio, è l’ideale per pulire superfici alte, finestre e piccoli tappeti. Non sono adatti, invece, per le grandi superfici.
  • Aspirapolvere a vapore verticale: nell’aspetto, sono molto simili ad un normale aspirapolvere, ma servono appunto solo per pulire le superfici. Ultimamente, è arrivata sul mercato anche l’aspirapolvere e scopa a vapore insieme, ma non sono ancora così efficienti, ne in un lavoro, ne nell’altro. Con un aspirapolvere a vapore standard, possiamo pulire facilmente qualsiasi pavimento. Sono disponibili sia con che senza filo della corrente. Ovviamente, il primo è più comodo, mentre generalmente, il secondo più potente.
  • Aspirapolvere a vapore a traino: si tratta di modelli potenti, ideali per le grandi superfici, anche di garage e piccole officine. La loro struttura li rende molto più solidi e più adatti ai “lavori pesanti”. Nonostante tutto, sono strumenti anche molto versatili, ottimi anche per le pulizie della scale. Il serbatoio dell’acqua è molto ampio, per questo motivo, si possono pulire superfici molto ampie, senza stare a rabboccare continuamente il prodotto di acqua.
  • Aspirapolvere a vapore a secco: a differenza di tutti gli altri modelli, quest’ultimo pulisce con un vapore secco. Nel design è molto simile al modello a traino, ma è più adatto per superfici di piccole dimensioni. È spesso anche portatile, ideale per pulire vetri e tende. Il fatto di emettere vapore secco, lo rende ideale per pulire le superfici più delicate. Inoltre, non bagnando le superfici, può tranquillamente essere utilizzato per piccoli lavori veloci.

Fattori da prendere in considerazione prima dell’acquisto

Il motivo per cui desideri acquistare questo prodotto e il modo con cui intendi utilizzarlo, senza ombra di dubbio, influenza la tipologia di scopa a vapore più adatta alle tue esigenze. Per scoprire quale possa essere il tuo modello ideale, abbiamo elencato 7 dei principali fattori che dovrai tenere bene a mente prima dell’acquisto:

  1. Peso e dimensioni. Le scope a vapore, da quella portatile a quella a traino, sono disponibili in varie forme e dimensioni. L’ingombro complessivo dell’apparecchio, dipende dalla tipologia scelta. Prima di effettuare il tuo acquisto, assicurati di controllare peso e dimensioni. Fatto questo, pensa al modo in cui lo utilizzerai e se preferisci portarti dietro un strumento grosso e pesante, oppure piccolo e leggero. Se l’apparecchio che usi non è comodo, potresti presto riporlo in un angolo buio della casa a prendere polvere. A questo proposito, cerca di capire dove lo terrai quando non è in uso. Hai abbastanza spazio?
  2. aspirapolvere vaporeCosto. La tipologia di apparecchio, influenza molto il suo costo. Quelli portatili sono i meno costosi e non rappresentano un grosso investimento. Quelli a traino, solitamente sono i più costosi, ma possono farti risparmiare soldi in termini di detergenti. Alcuni marchi, producono prodotti di fascia media davvero niente male. Se volete conoscere dell’aspirapolvere a vapore opinioni e recensioni, potete trovarne a bizzeffe. Alla fine della fiera però, siete sempre voi a dover scegliere in base alle vostre esigenze e al tipo di utilizzo che ne farete.
  3. Accessori. La maggior parte delle scope a vapore, hanno la possibilità di collegare diversi accessori, per pulire più superfici e ampliare la loro versatilità. A volte però, questi accessori non sono inclusi nelle confezioni e bisogna acquistarli separatamente. In base alle superfici che dovete pulire, verificate che il prodotto che v’interessa sia dotato degli accessori che utilizzerete di più. Se sono inclusi nella confezione ancora meglio, perché potrete risparmiare un po’ di soldi.
  4. Dimensioni del serbatoio. Il miglior aspirapolvere a vapore non è semplicemente quello col serbatoio dell’acqua più grande. Se avete bisogno di pulire piccole superfici e in alto, il serbatoio dovrà essere piccolo e leggero, altrimenti si rischia di appesantire il braccio e rendere il lavoro più faticoso. Se al contrario, dovete pulire superfici molto ampie, allora sarà necessario prendere in considerazione un apparecchio dal serbatoio capiente e che debba essere riempito poche volte.
  5. Pressione e temperatura. Maggiore è la temperatura e più secco sarà il vapore emesso. Questo significa poter riutilizzare le superfici al più presto possibile, senza dover attendere che si asciughino. Pressione e temperature devono essere elevate anche per eliminare germi e batteri, che muoiono a 100°C. Inoltre, è importante che l’apparecchio, riesca a mantenere questi elementi elevati per tutto il tempo delle pulizie. Se perde pressione, infatti, perde anche di efficacia.